Terziario, distribuzione servizi: rinnovato anche il CCNL confesercenti

Prosegue la delicata vertenza di rinnovo della Contrattazione Nazionale per i lavoratori del commercio e del terziario. Dopo la scadenza dell’ultimo CCNL avvenuta il 31 dicemnbre del 2013, come noto le controparti datoriali si sono suddivise ulteriormente portando alla fuoriuscita da ConfCommercio di Federdistribuzione, rappresentante i marchi della grande distribuzione organizzata non cooperativa. La trattativa si è pertanto tenuta su tre tavoli distinti, portando intanto alla firma del rinnovo del CCNL con ConfCommercio il 30 marzo del 2015.
Il 12 luglio scorso è stato posto un altro fondamentale tassello alla tutela dei lavoratori della piccola e media distribuzione, grazie alla sottoscrizione dell’ipotesi di accordo per il rinnovo del contratto nazionale del Terziario con le aziende aderenti a Confesercenti. Un risultato importante, con il quale finalmente viene colmato un vuoto normativo atteso da oltre due anni, e si restituisce ai lavoratori il giusto riconoscimento salariale. Mercato del Lavoro, classificazione del personale, orari, sono tra gli altri elementi dell’intesa, i cui aumenti economici sono cominciati da luglio 2016 con una tranche di 45 euro al IV livello e porteranno ad un aumento economico complessivo di 85,00 euro al IV livello da riparametrare per gli altri livelli. Il contratto vede la scadenza al 31 dicembre 2017.
A questo si aggiunge un importo una tantum di 290 euro a copertura del 2015 e un Protocollo sulle aperture domenicali e festive nel settore commercio dove le parti si impegnano, entro il 31 dicembre 2016, a verificare, al secondo livello di contrattazione, le condizioni per la chiusura per almeno 12 giornate domenicali o festive all’anno, delle attività commerciali.
La Filcams di Pisa in questi giorni sta effettuando la prevista fase di consultazione delle lavoratrici e dei lavoratori attraverso una campagna di assemblee nelle aziende aderenti a Confesercenti che terminerà il 30 settembre.
I lavoratori del terziario con la firma di questo Contratto Nazionale vedono un’ulteriore risposta e copertura, ma il settore è ancora in attesa del contratto nazionale della Distribuzione Cooperativa, per il quale la trattativa è in corso, e di Federdistribuzione che ha visto i lavoratori in sciopero nazionale nel mese di maggio a causa della cessazione del negoziato.

Approfondimenti sulla trattativa sono consultabili qui

 

 

 

 

 

 

 

Related posts