IL NIDIL verso la MANIFESTAZIONE del 9 Febbraio

VERSO I NOSTRI DIRITTI
SALARIO DIGNITOSO, SALUTE E SICUREZZA
SUL LAVORO, PREVIDENZA, AGIBILITÀ
SINDACALI, TUTELE NORMATIVE
STOP AL COTTIMO • STOP ALLO SFRUTTAMENTO,
UN LAVORO CHE NON SIA DIGNITOSO E ADEGUATAMENTE PAGATO NON È UN
LAVORO CHE PUÒ CIRCOLARE LIBERAMENTE PER LE STRADE DEL NOSTRO PAESE.
UN LAVORO CHE SI CONNETTE CON LE APP MA CHE NON GODE DI TUTELE
NON È UN LAVORO MODERNO
BASTA ASPET TARE! DIRITTI SUBITO!
CON IL CONTRATTO NAZIONALE SI PUÒ!
Da mesi si parla dei ciclofattorini di Glovo, Deliveroo, Just Eat e di
altre aziende dell’economia digitale.
Manifestazioni, flash mob, ricorsi giudiziari, gravi infortuni hanno
acceso i riflettori su un mondo spesso ignorato da tutti.
Molte Amministrazioni regionali e comunali hanno tentato di affrontare
il tema; Il Governo nel mese di maggio dello scorso anno
ha promesso un intervento legislativo, poi ha aperto un tavolo di
confronto con aziende , rappresentanti dei rider e parti sociali per
favorire una soluzione tra le Parti.
Il tavolo , che doveva definire un accordo entro Natale, è stato convocato
per l’ultima volta l’11 novembre scorso. Ora, soprattutto dopo
la sentenza di Torino che sancisce per i riders collaboratori il diritto
ad avere le tutele del ccnl della logistica, è tempo di recuperare il
tempo perso, di una nuova convocazione del Ministero che avvii una
rapida e concreta trattativa per un accordo che dia tutele ad ogni
lavoratore nel paese.
Nel frattempo aumentano le vertenze individuali e collettive.
Aziende importanti come Foodora vengono cedute e mentre tutti
sembrano concordi sulla necessità di dare più diritti a questi lavoratori
per alcuni, come in questo caso, le cose addirittura vanno di
male in peggio!
Le aziende in questi mesi non hanno mai dimostrato la reale volontà
di fare dei passi in avanti.
Pretendono flessibilità, macinano profitti e risultati, celebrano la
loro immagine di fornitori che possono rispondere a qualunque
necessità dei clienti, ma non sono disponibili a riconoscere diritti
e tutele adeguate a quei lavoratori che garantiscono il servizio, che
consentono a ciascuno di noi di ordinare una pizza comodamente dal
divano di casa e di vedersela recapitata in pochi minuti.
Le associazioni dei rider e i sindacati confederali , in Italia e più in
generale in Europa , stanno da tempo protestando. Si portano avanti
ricorsi giudiziari, i cui esiti non sono sempre univoci, vertenze, richieste
di tavoli di confronto.
In questi mesi Cgil Cisl e Uil hanno accresciuto la loro rappresentanza
fra questi lavoratori.
Abbiamo innovato la nostra contrattazione e inserito la figura del
rider nel CCNL Logistica.
Da sempre diciamo con forza che i Contratti Nazionali sono il perimetro
dentro cui regolare, anche con soluzioni specifiche che corrispondano
alle particolarità organizzative di questo lavoro, diritti e
tutele di questi lavoratori.
Per noi è chiarissimo il carattere di subordinazione che caratterizza
queste prestazioni in cui la App determina luogo, tempo e
modalità di esecuzione della prestazione . In ogni caso è ora che in
questo paese dipendenti e collaboratori possano contare su medesimi
diritti e protezioni sociali.
Insieme ai rider abbiamo proposto una serie di rivendicazioni tra cui
– compenso orario fisso e dignitoso, prendendo a riferimento quanto
previsto nei CCNL sottoscritti dalle organizzazione sindacali
maggiormente rappresentative, a partire da quello della logistica
• DIRITTI SU SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO •
• DIRITTI PREVIDENZIALI •
• TUTELE NORMATIVE •
• DIRITTO AL RIPOSO •
• DIRITTO ALLA DISCONNESSIONE •
• ABOLIZIONE DEL SISTEMA DI RANKING REPUTAZIONALE •
• DIRITTI SINDACALI •
• RIMBORSI SPESE PER UTILIZZO MEZZI •
IL LAVORO È AL CENTRO DELLE NOSTRE RIVENDICAZIONI
IL 9 FEBBRAIO SAREMO IN PIAZZA
per rilanciare la piattaforma unitaria per rivendicare politiche serie
per il lavoro, per gli investimenti pubblici e privati, per un fisco giusto
che combatta l’evasione e faccia pagare di più a chi ha di più, per
i diritti, per il welfare.
Saremo in piazza per il lavoro dei giovani e saremo in piazza anche
per chiedere che tutti i lavoratori abbiano dal loro lavoro dignità e
rispetto.
IL 9 FEBBR AIO
TUTTI IN PIAZZA!
DICIAMO ALLE AZIENDE BASTA CON I RINVII!
DICIAMO AL GOVERNO NOI SIAMO PRONTI!
DICIAMO AI RIDER CHE NOI SIAMO AL VOSTRO FIANCO

Related posts