MANIFESTAZIONE 1 DICEMBRE A LARDERELLO

Il 1 dicembre la CGIL di Pisa invita a manifestare a Larderello a
difesa della Geotermia fonte rinnovabile
La CGIL di Pisa considera che per la Geotermia, quale fonte di energia rinnovabile nel rispetto dell’ambiente e
della salute dei cittadini, siano necessari adeguati investimenti per incentivare lo sviluppo dell’Alta Val di
Cecina, gli insediamenti produttivi, per favorire nuova occupazione e per una riduzione delle diseguaglianze
territoriali.
Ritiene indispensabile che lo sviluppo del geotermico sia realizzato per mantenere le ricadute positive
a favore delle comunità e dei territori impiegando la migliore tipologia di coltivazione con impianti
tecnologicamente avanzati con il minor impatto paesaggistico a salvaguardia dell’ambiente, per la tutela della
salute dei cittadini, della quantità e della qualità dell’occupazione.
La CGIL di Pisa manifesta la propria contrarietà all’approvazione dello schema di decreto
sull’incentivazione delle Fonti di Energia Rinnovabile (FER1) trasmesso dal Ministero dello Sviluppo
Economico al Ministero dell’Ambiente, che escluderebbe il geotermico convenzionale dagli incentivi,
rinviando la definizione degli stessi ad un successivo decreto.
Una decisione di questo tipo penalizzerebbe fortemente il territorio provinciale e toscano che
attraverso l’energia geotermica, rinnovabile ed inesauribile, copre circa il 30% della produzione elettrica
regionale occupando oltre 2.000 addetti nella sola Provincia tra diretti e indotto.
La Cgil di Pisa inoltre ritiene indispensabile e necessario garantire, da parte delle Autorità preposte a
partire dalla Regione Toscana, la più ampia trasparenza e il massimo rigore scientifico sul controllo
dell’impatto degli insediamenti geotermici, sulla salute dei cittadini e dei lavoratori e sull’ambiente
coinvolgendo e condividendo con le comunità locali i risultati degli studi e dei monitoraggi.
La Geotermia è una fonte energetica rinnovabile insostituibile per la tenuta e lo sviluppo economico e
sociale dell’Alta Val di Cecina.
La CGIL di Pisa chiede al Governo di modificare la bozza di Decreto Ministeriale FER1 e di reinserire
il geotermico convenzionale tra le fonti incentivabili.
E’ per queste motivazioni che la CGIL di Pisa aderirà alla manifestazione promossa dall’
”Osservatorio Economico della Val di Cecina” per
sabato 1 dicembre, dalle 10 alle 12, a Larderello
invitando le lavoratrici, i lavoratori, le pensionate, i pensionati e tutti i cittadini a
partecipare!

Related posts