INQUILINI CASA POPOLARE: breve guida per l’accertamento biennale dei redditi

ACCERTAMENTO DEI REDDITI BIENNALE

PER GLI ASSEGNATARI DI CASA POPOLARE.

BREVE GUIDA.

Anche quest’anno tutti gli assegnatari di casa popolare riceveranno a casa il modello per l’accertamento dei redditi biennale.

Tale obbligo è previsto dall’art. 35 della L.R.T. n. 96/1996 (novellata dalla L.r.T. n. 41/2015), il quale stabilisce che “la permanenza dei requisiti di assegnazione è accertata obbligatoriamente dal soggetto gestore, con cadenza biennale,…”.

Per quanto riguarda la provincia di Pisa il soggetto gestore (A.P.E.S.) sta inviando in questi giorni (agosto 2017) la lettera contenente il modulo precompilato per la verifica dei requisiti. Il documento riporterà già tutte le informazioni, in possesso dell’ente gestore, relative il nucleo familiare assegnatario. Spetterà quindi all’assegnatario indicare le eventuali variazioni sopravvenute (ad esempio: variazioni di reddito, inserimento o fuoriuscita di soggetti dal nucleo, eventuali ospitalità, invalidità sopravvenute e altre condizioni).

Tali informazioni serviranno per la verifica dei requisiti di permanenza e per il conseguente aggiornamento del canone di locazione a decorrere dal 1 Gennaio 2018.

Di seguito riportiamo alcune informazioni schematiche che possono essere utili per una corretta compilazione.

Termine per la presentazione.

Il modello compilato andrà presentato entro il 15 Ottobre 2017.

Anagrafe nucleo familiare assegnatario.

Il modello sarà già precompilato con l’elencazione dei componenti il nucleo familiare o di altri soggetti inseriti a vario titolo. L’Assegnatario dovrà verificare la correttezza delle informazioni indicate e avrà la possibilità di modificare le informazioni per aggiornarle. Sarà possibile comunicare l’aggiunta o la fuoriuscita di membri dal nucleo o di soggetti ospiti (compreso le eventuali badanti).

Redditi Irpef percepiti nell’anno 2016.

Tale sezione del modello fa riferimento ai redditi dichiarati nel 2016 (lavoro dipendente, pensione, lavoro autonomo, redditi da fabbricati, terreni e redditi esenti quali: invalidità civile, inail). La verifica della sezione relativa i redditi dichiarati è particolarmente importante in quanto su tali dichiarazioni verrà rimodulato il canone di locazione.

ISE e ISEE.

Rispetto agli anni passati, c’è la novità di dover inserire i valori ISE e ISEE. Tali valori serviranno per la verifica del requisito reddituale di permanenza (attualmente fissato in € 33 mila di ISEE).

Titolarità o non titolarità di diritti di proprietà, usufrutto, uso ed abitazione su immobili ad uso abitativo.

L’assegnatario è tenuto a comunicare se egli e gli altri componenti il nucleo familiare abbiamo diritti reali su immobili ad uso abitativo. E’ importante verificare gli estremi catastali e indicare l’eventuale divisione pro-quota del bene.

La nuova normativa stabilisce che gli assegnatari per permanere nell’assegnazione della casa non devono avere in proprietà, usufrutto, uso ed abitazione unita’ immobiliari ad uso abitativo.

L’eventuale indisponibilità del bene non comporta conseguenza in termini di decadenza. Si considera indisponibile quando vi è divisione pro-quota o se ci sono altre cause oggettivamente e documentalmente provate.

Attenzione: per i cittadini di Paesi extra UE.

Gli assegnatari di casa popolare cittadini extra UE (che non hanno ancora conseguito la cittadinanza italiana) devono dimostrare di non avere immobili ad uso abitativo in proprietà nel Paese dove hanno la cittadinanza con apposita certificazione rilasciata dall’autorità competente del proprio Paese, tradotta e legalizzata per la validità in Italia.

Consapevoli della difficoltà che gli assegnatari cittadini extra UE possono avere nel reperire tali dichiarazione, il termine non perentorio per la presentazione è fissato al 31 Dicembre 2017.

Titolarità o non titolarità di beni mobili registrati.

L’Assegnatario dovrà indicare se i componenti il nucleo familiare sono titolari o non titolari di beni mobili registrati (autoveicoli, motoveicoli ecc.). Non sono considerati beni mobili registrati i ciclomotori di cilindrata pari a 50cc.

Eventuali documenti da allegare per la consegna del modello.

Tutte le informazioni inserite nel modello sono autocertificabili, ad eccezione dello stato di invalidità, del rapporto di lavoro delle badanti ai fini dell’ospitalità e il certificato di non possidenza immobiliare per i cittadini extra UE.

Quindi tranne gli stati non autocertificabili, al modello non va allegata nessuna documentazione in quanto la maggioranza delle informazioni inserite sono verificabili dall’Ente Gestore.

PER AVERE ASSISTENZA NELLA COMPILAZIONE DEI MODELLI RIVOLGERSI AL SUNIA.

TEL 050515227 (chiamare dalle ore 9 alle ore 12)

IL SERVIZIO E’ RISERVATO AGLI ISCRITTI ASSEGNATARI DI CASA POPOLARE.

LE EVENTUALI ISCRIZIONI POSSONO ESSERE EFFETTUATE AL MOMENTO DELLA COMPILAZIONE.

Related posts