Gruppo FSI – Confronto per il rinnovo del CCNL

Gruppo FSI . E’ ripreso da lunedì 5 settembre il confronto tra le Segreterie Nazionali, Agens e Gruppo FSI sul rinnovo del CCNL della Mobilità/Area delle Attività Ferroviarie, CCNL Aziendale di Gruppo FSI e dell’Accordo Quadro Cargo. Al termine delle riunioni sin qui svolte le Segreterie Nazionali hanno predisposto un documento di riepilogo pubblicato di seguito.

Il confronto per il rinnovo del Ccnl della Mobilità/Area delle Attività ferroviarie e del Contratto Aziendale di Gruppo FSI, interrottosi alla fine dello scorso mese di luglio, è ripreso lunedì 5 settembre ed è proseguito fino al pomeriggio di ieri.
Negli incontri svoltisi nel corso della settimana, la parte datoriale ha consegnato le versioni
aggiornate dei due testi contrattuali e durante la discussione che ne è scaturita sono stati
fatti significativi passi in avanti sui capitoli ancora in sospeso.
In particolare, per i lavoratori che confluiranno dalla Divisione Cargo di Trenitalia nella
nuova Società Mercitalia Rail, abbiamo unitariamente chiesto le garanzie di tutela indispensabili, relative al mantenimento di tutti i trattamenti economici e normativi in
essere, quali: la sede di lavoro, l’anzianità di servizio, gli aumenti periodici di anzianità,
l’iscrizione previdenziale al Fondo Speciale FS presso l’INPS, l’iscrizione al Fondo Pensione Complementare Eurofer, i titoli di viaggio previsti dal vigente Contratto Aziendale di Gruppo FS, il Tfr maturato, che sarà trasferito alla nuova società, la quale provvederà agli ulteriori accantonamenti.
Sulla base delle richieste sopra riportate è stato prodotto un testo condiviso che dovrebbe
diventare “l’Accordo Quadro Cargo”.
Inoltre, si è convenuto che la Società Mercitalia Rail applicherà ai propri dipendenti il
CCNL della Mobilità/Area contrattuale Attività Ferroviarie ed il Contratto Aziendale di
Gruppo FSI.
Gli stessi lavoratori di Mercitalia Rail potranno, inoltre, essere destinatari delle forme di
accesso alle prestazioni del Fondo bilaterale di sostegno al reddito, definite con l’ accordo
nazionale del 28 luglio u.s.
Infine, “l’Accordo Quadro Cargo” sopra richiamato contiene la clausola di salvaguardia per
i lavoratori che vi transiteranno, così come già avvenuto in passato nei casi di cessioni di
rami di aziende interni al gruppo FSI.
In merito alle modifiche alla normativa di lavoro del personale degli equipaggi della
Divisione Cargo, abbiamo registrato avanzamenti rispetto al progetto iniziale aziendale riguardanti le flessibilità, in quanto le principali innovazioni (equipaggio misto nella fascia notturna, terza notte piena tra due riposi settimanali, ulteriori 2 riposi fuori residenza diurni nel mese ) saranno legate alle trattative decentrate con le RSU e le strutture sindacali territoriali. Resta da armonizzare e definire l’intero impianto normativo.
Sempre in merito agli avanzamenti, sulla parte generale sono stati fatti passi in avanti
importanti, in particolar modo su: Assistenza a persone con handicap, congedi per le
donne vittime di violenza, cessione volontaria di ferie a favore di dipendenti che assistono
minori, flessibilità orarie per famigliari di studenti con disturbi specifici dell’apprendimento, permessi allo studio, estensione dei congedi matrimoniali alle unioni
civili, agevolazioni orarie per lavoratori che concorrono a programmi riabilitativi di tossicodipendenti.
 Restano ancora da affrontare la parte economica e alcuni punti della normativa contrattuale del Gruppo FSI.
Sono da definire, altresì, le parti relative alle attività in appalto e alcuni aspetti del codice di disciplina.
Il confronto riprende nel pomeriggio di lunedì 12 p.v. Roma, 9 settembre 2016.
Le Segreterie Nazionali
Filt-Cgil Fit-Cisl Uiltrasporti Ugl Taf Fast Mobilità Orsa

Related posts