COMUNICATO al PERSONALE O&M GEO

COMUNICATO AI LAVORATORI
Incontro OO.SS. e DIREZIONE O&M GEO
Il 3 luglio u.s. si è tenuto a Larderello un incontro tra le OO.SS. e la Direzione O&M per un’analisi puntuale delle criticità presenti.
In apertura l’Azienda ha dato un’informativa di carattere generale sulla situazione in geotermia.
Biomasse: ufficializzata la vendita degli impianti a biomasse di Finale Emilia (a fine anno), Macchiareddu, Russi e Mercure (a metà del 2019). Rimangono nel perimetro O&M, la c.le CorniaBio e i 4 impianti minibio, ancora in fase di analisi costi/benefici ed esercibilità.
Protocollo d’intesa Enel/Regione: è in fase conclusiva il nuovo protocollo, con il coinvolgimento delle amministrazioni locali e del COSVIG, che da una parte impegna l’Enel ad uno sforzo maggiore sull’ambiente, sostenibilità della risorsa, innovazione e ricaduta sul territorio e dall’altra la regione per un supporto concreto allo sviluppo della geotermia in Toscana.
Investimenti di sviluppo: in attesa di un indirizzo chiaro sulla geotermia da parte del governo nazionale, l’unico progetto certo rimane la costruzione della C.le Monterotondo 2 (vincolata solo al reperimento della risorsa). Gli altri progetti, per nuove costruzioni e ammodernamento degli impianti esistenti, per un ammontare di 700 mln di euro di investimenti nei prossimi 5/7 anni, dipenderanno soprattutto dalle scelte nazionali in tema di rinnovabili e relativi incentivi. Tra questi anche la costruzione della C.le PC6, che apporterebbe un notevole beneficio ambientale in termini di riduzione complessive di emissioni sull’Amiata (riduzione del 25% di H2S). Sull’argomento, come OO.SS. rivendichiamo un nostro maggiore coinvolgimento per approfondimenti/suggerimenti sul piano industriale, salvaguardia del territorio e garanzie per occupazione diretta e indiretta.
Investimenti di mantenimento: importante sforzo economico per rendere gli impianti AMIS delle c.li geo più flessibili (utilizzo soda o carbonato di sodio) e più affidabili per ottenere minore impatto ambientale e minori tempi di indisponibilità.
Piano sicurezza: impegno dell’Azienda per migliorare le performance geo sulla sicurezza, attraverso maggior coinvolgimento del personale, potenziamento formativo e attuazione di analisi specifiche su situazioni critiche. A tal proposito come OO.SS. abbiamo chiesto un’informativa su quanto è stato o sarà fatto in relazione alle osservazioni da noi prodotte nell’incontro del novembre scorso. La Direzione ci ha proposto, su queste tematiche, un incontro specifico.
Ambiente/territorio: EGP ha commissionato all’università di Pisa uno studio sulle emissioni naturali di anidride carbonica nei territori geotermici. Tale studio sta dimostrando che le attività di coltivazione del bacino da parte di EGP non incrementano le emissioni di CO2 in atmosfera. CO2 comunque prodotta dal pianeta e presente nel territorio in maniera spontanea.
A fronte dell’esito positivo della sperimentazione per la produzione dell’Alga Spirulina, EGP ha illustrato ad alcuni imprenditori le prospettive favorevoli per investimenti industriali in questo
settore individuando ulteriori aree di interesse. Investimenti importanti sia in termini economici che ambientali.
Attenzione verso gli istituti secondari dei comuni geotermici sedi di impianto: l’Azienda ha dichiarato l’intenzione di voler intraprendere una maggiore collaborazione con le scuole organizzando dei corsi post diploma, in modo da creare un profilo operativo intermedio tra un diplomato e un laureato triennale.
L’incontro è proseguito poi su temi più specifici.
Sul tema della modifica dell’accordo in essere sui permessi termici (PC), riguardante solo coloro che ne erano titolarizzati al 24 luglio 2001 come previsto nel CCNL Elettrici, è stata elaborata dalla Direzione una proposta per semplificare le procedure attuali. Tale proposta prevede, per coloro che finora avevano un conteggio a maturazione, l’assegnazione dei PC in maniera fissa, ad personam, in base alla loro fruizione media degli ultimi 4 anni. La modifica è il risultato di un’accurata analisi svolta dalla Funzione Personale insieme alle OO.SS. atta a tutelare al meglio i lavoratori interessati. L’Azienda provvederà ad informare i lavoratori con una nota applicativa del nuovo sistema di assegnazione. Decorrenza dal 1 gennaio 2018.
E’ stata ufficializzata, dopo la positiva sperimentazione, l’estensione dell’orario flessibile al personale di Staff di tutte le Age e riconosciuta l’indennità di lavori gravosi (LG) per le attività di palettatura rotori a partire dal 1° luglio.
Lo Smart Working (possibilità di svolgere per un giorno alla settimana l’attività lavorativa in altra sede o presso la propria abitazione) è introdotto dal 1° luglio nelle seguenti strutture di O&M, ad esclusione del personale operativo: Support to Operation and Performance Improvement, Logistics and Industrial Services, Operation Center e Geothermal Permitting and Relations with control Authority. Al momento e per tutto il 2018, non è prevista l’estensione ad altre unità O&M.
Quiescenze 2018: la Direzione ha comunicato l’uscita certa in Isopensione o pensione di 14 lavoratori.
Assunzioni: sarà svolta una selezione per diplomati nella prima metà del prossimo settembre. Per l’anno in corso sono state autorizzate n.2 assunzioni di laureati (di cui 1 già avvenuta) e n.10 assunzioni di operai apprendisti, di cui 5 per O&M e 5 per E&C Drilling. La selezione di operativi sarà unica (indipendentemente dalla destinazione finale O&M o E&C) e la graduatoria di idonei rimarrà valida per due anni. Le domande per la partecipazione dovranno essere inoltrate via web attraverso il portale Enel entro il 12 agosto e dovranno ripresentarla anche coloro che hanno già inserito il proprio curriculum precedentemente, in quanto sono cambiate le normative in tema di privacy. Potranno partecipare alla selezione solo coloro che non avranno ancora compiuto 30 anni al 1 gennaio 2019 (cioè nati dal 1 gennaio 1989 in poi), residenti in uno dei 10 comuni geotermici sedi di impianto dal 1 gennaio 2018 ed in possesso di specifici titoli di studio di scuola secondaria superiore (votazione minima 70/100). Seguirà un’informativa specifica e dettagliata sia sulle caratteristiche richieste che sulle nuove modalità di inserimento dei curriculum.
Come OO.SS. abbiamo criticato il numero esiguo di assunzioni previste a fronte della carenza di risorse già attualmente presente in ogni realtà lavorativa ed anche in previsione delle uscite già certe, inoltre abbiamo fortemente contestato alcuni criteri di idoneità alla selezione scelti
dalla Direzione (votazione minima e limitazione ad alcuni diplomi), ritenuti ormai obsoleti e discriminanti. Infine, in occasione come queste in cui vengono effettuate assunzioni, si è richiesto che vengano tenute maggiormente in considerazione le richieste di trasferimento o cambio attività dei lavoratori attualmente in servizio, con l’obbiettivo di avere una maggiore “vivibilità” aziendale.
Relativamente alla nostra richiesta di lavaggio DPI a cura Aziendale, la Direzione ha dato disponibilità a provvedere al lavaggio vestiario solamente per il personale coinvolto nelle revisioni delle c.li, giustificando questa scelta con l’obiettivo di eliminare le uniche situazioni di difformità (fuori standard) rispetto alle altre realtà EGP (eolico, idrico, fotovoltaico). Infatti secondo l’Azienda le attività di esercizio e manutenzione ordinaria nelle C.li geotermiche sono equiparabili a quelle svolte nelle altre rinnovabili, mentre per le perforazioni adduce che i nuovi impianti hanno ridotto il contatto dei lavoratori con agenti inquinanti.
Come OO.SS non condividiamo, nella maniera più assoluta, questa scelta, ribadendo che la nostra richiesta di lavaggio vestiario, inoltrata due anni fa, è rivolta a tutto il personale operativo, perché riteniamo che tutte le attività GEO siano a contatto con agenti inquinanti tali da non permettere il loro lavaggio negli impianti domestici. Temiamo inoltre, che la parziale proposta Aziendale sia tesa a creare ulteriori disparità tra i lavoratori.
L’Azienda non ha lasciato margini di trattativa e ci ha invitato a spostare il dibattito a livello nazionale con la Direzione EGP.
Certo, dopo due anni di “rimpalli”, Enel ci ha riportato al punto di partenza. Unitariamente cercheremo di percorrere altre strade più incisive.
FILCTEM/CGIL – FLAEI/CISL – UILTEC/UIL
Larderello, 5 luglio 2018

Related posts